SISTEMA IMMUNITARIO: COS’È E COME FUNZIONA

In questo periodo si sente molto parlare di difese immunitarie, di debolezza della risposta immunitaria, di rinforzare le difese immunitarie. Infatti, in piena emergenza epidemica, afflitti da un nuovo e non conosciuto virus – il coronavirus – ognuno spera di riuscire a resistere al suo attacco; a tal fine, in effetti, esiste un complesso meccanismo organico di difesa, che si chiama Sistema Immunitario. Cerchiamo di capire insieme, in maniera semplice e schematica, la sua struttura.

Il sistema immunitario è l’insieme dei meccanismi e apparati che difendono il nostro organismo dall’attacco di sostanze estranee pericolose costituite in prevalenza da batteri, virus, funghi e parassiti, contenenti particolari proteine, gli antigeni, che vengono riconosciuti da alcune nostre cellule scatenando le difese immunitarie.

Il sistema immunitario entra in funzione quando le barriere meccaniche e chimiche falliscono; infatti la cute, il sudore, il sebo, la temperatura corporea, fungono in vario modo da sbarramento a microrganismi patogeni.

Il sistema immunitario risulta esser costituito da una composizione di organi e cellule specializzate, in particolare:

  • organi linfatici primari, dove si generano i leucociti, come midollo osseo e timo
  • organi linfatici secondari, come la milza, i linfonodi, le tonsille e le adenoidi, dove i linfociti incontrano e attaccano l’antigene presente sulla sostanza pericolosa
  • mediatori chimici, come le citochine che regolano la risposta immunitaria
  • cellule del sangue come i leucociti o globuli bianchi, suddivisi in:
    • Linfociti: coordinatori dell’intero sistema
    • Mastociti e eosinofili: coinvolti nella risposta allergica
    • Neutrofili: che fagocitano i batteri
    • Monociti: che stimolano l’attività di un tipo di linfociti

RISPOSTE IMMUNITARIE

Il sistema immunitario agisce con due tipi di risposta:

  • Risposta innata/aspecifica: non richiede un precedente contatto con il patogeno ed è presente fin dalla nascita. E’ una risposta immediata e sempre uguale.
  • Risposta acquisita/specifica: viene acquisita appunto dopo un primo contatto con l’agente patogeno, richiede alcuni giorni per essere elaborata ed è specifica per quell’antigene.

Ma come avviene la risposta immunitaria? Attraverso queste azioni successive:

  • riconoscimento dell’antigene del patogeno da parte dei Linfociti
  • attivazione dei Leucociti che fagocitano o eliminano il patogeno
  • attrazione di altre cellule del sistema immunitario e quindi attivazione massiccia delle difese
  • blocco, da parte delle citochine, della difesa immunitaria che altrimenti non si fermerebbe creando danni all’organismo
  • eliminazione del patogeno dall’organismo con autodistruzione di alcuni globuli bianchi, mentre altri non si autodistruggono e vanno a costituire una memoria, per colpire più rapidamente e intensamente al successivo incontro con quell’antigene

MALATTIE AUTOIMMUNI E ALLERGIE

Talvolta il sistema immunitario scambia una cellula endogena per antigene pericoloso, scatenando così le difese contro l’organismo stesso: è il meccanismo proprio delle Malattie Autoimmuni, come il lupus eritematoso o l’artrite reumatoide.

Anche una risposta immunitaria ad antigeni innocui, come i pollini, è un errore del sistema immunitario: si tratta della Reazione Allergica.

E in presenza del cancro come reagisce il sistema immunitario?

Sulle cellule cancerose esistono spesso degli antigeni che vengono da esso riconosciuti, ciò ne permette la distruzione e l’eliminazione; purtroppo non sempre questo è possibile a causa della rapida proliferazione delle cellule cancerose che causa il fallimento delle nostre difese.

Il sistema immunitario viene indebolito da vari fattori, quali lo stress, l’uso eccessivo di antibiotici, il freddo, la mancanza di sonno, il fumo, l’alcool, che espongono l’organismo alle infezioni. E’ invece importante che le difese immunitarie vengano mantenute integre e vigili attraverso una condotta di vita sana consistente nel mangiare frutta e verdura, non fumare, fare esercizio fisico regolare, dormire 8 ore per notte. Talvolta si rende necessario un rafforzamento di un sistema immunitario in qualche modo indebolito; ciò può avvenire grazie all’utilizzo di piante medicinali ad azione immunostimolante, da secoli presenti nelle nostre variopinte culture umane.

Abbiamo accennato già in un altro articolo all’ Astragalo e all’ Uncaria, due specie vegetali che rivestono una importante azione di sussidio nel rinforzare le naturali difese dell’organismo.

Ora vorrei illustrare, in maniera più ampia, le proprietà di un fungo, di origine giapponese ma le cui caratteristiche medicinali sono ampiamente utilizzate anche in Occidente: Reishi, nome scientifico Ganoderma Lucidum.

REISHI: COS’È

Il suo nome, Reishi appunto, significa “fungo divino”; nella farmacopea cinese Shen-nung Pen-tsao Ching, scritta intorno al 200 d.C. ma che raccoglie tradizioni orali millenarie, sono descritte tutte le erbe allora conosciute divise in tre classi di qualità: nel gruppo delle erbe di massima qualità, chiamate “le erbe di Dio”, il Reishi è al primo posto, prima anche del prezioso Ginseng. Utilizzato già da 4000 anni in Cina, Giappone e Corea per scopi medicinali, questo è un fungo saprofita, che vive su diverse specie di latifoglie, conifere e palme; ha una consistenza dura e un gusto amaro e non è commestibile; contiene più di 400 sostanze attive a cui vengono attribuite proprietà benefiche per l’organismo umano. Già quando non era noto ne’ il termine ne’ il concetto di “potere immunitario” si usava e si consigliava perché si diceva che aiutasse a sconfiggere le malattie per le qualità curative, che favorisse il mantenimento della salute per un effetto preventivo e in generale che aumentasse l’aspettativa di vita.

PROPRIETÀ DEL REISHI

In effetti tra le principali proprietà del Reishi c’è quella fondamentale di mettere a punto il sistema immunitario e quindi di stimolare le capacità autorigeneranti del nostro corpo anche nelle malattie virali.

Contiene elevate quantità di vitamine e minerali, polisaccaridi, triterpeni, numerosi oligoelementi e proteine.

La sua composizione chimica lo rende efficace a contrastare i processi infiammatori; in particolare la frazione rappresentata dai triterpeni si comporta analogamente al cortisone bloccando il rilascio di istamine responsabili delle infiammazioni; ecco perché questo micete è uno dei più indicati nel trattamento delle allergie, ma non solo: recenti studi dimostrano, infatti, che i ripetuti processi infiammatori nel corpo possono provocare numerose e gravi patologie: infarto del miocardio, cancro, diabete, Alzheimer; prevenire e curare i processi infiammatori è quindi un percorso da seguire nella prevenzione di importanti patologie, e in questo l’uso di Reishi può assumere il ruolo di integratore antinfiammatorio primario. Come estratto o in polvere, il fungo risulta importante per il mantenimento e il recupero della salute.

Bisogna fare attenzione, però, alla provenienza: l’estratto o la polvere devono infatti provenire da coltivazioni e allevamenti certificati per garantire che si tratti effettivamente di un estratto di Reishi originale e non di un fungo molto simile ma inefficace.

Sebbene il Reishi sia il più famoso tra i funghi medicinali, manca ancora un’analisi completa di tutti i principi attivi. Quelli accertati sono i grassi, le proteine, i carboidrati, i triterpeni e polisaccaridi; inoltre minerali come magnesio, rame, zinco, germanio, selenio, calcio, potassio e ferro e un complesso di vitamine del gruppo B, vit. E e vit. D.

USI DEL REISHI

Generalmente al fungo Reishi, proprio per la sua composizione complessa di principi attivi, vengono attribuite proprietà medicinali che rispondono come:

  • Attivatore del sistema immunitario
  • Antinfiammatorio
  • Antibatterico
  • Antivirale

Inoltre, nelle pratiche di medicina orientale, viene consigliato e somministrato in caso di:

  • Intossicazione epatica come disintossicante, depurativo e epatoprotettivo
  • Colesterolo alto per favorire un abbassamento dei livelli lipidici nel sangue
  • Malattie virali, dal comune herpes a forme complesse come epatite e HIV
  • Bronchiti acute e croniche, asma, tosse
  • Patologie cardiocircolatorie come aritmia cardiaca, sbalzi pressori insufficienza cardiaca
  • Patologie dermatologiche come psoriasi, dermatite atopica, acne, rughe, macchie dell’età
  • Fibromialgia
  • Patologie del sistema nervoso quali depressione, ansia, insonnia, acufene, vertigini
  • In Giappone si associa alle terapie del trattamento delle neoplasie.

COME SI ASSUME REISHI

I prodotti a base di Ganoderma sono assai noti da tempo anche nel mondo occidentale, dove si trova in commercio come integratore alimentare in diverse formulazioni: essiccato, macinato, sotto forma di estratti o in polvere, spesso già incapsulato.

Sono necessarie dalle due alle dieci settimane per ottenere risultati soddisfacenti, in quanto, come per tutti gli integratori alimentari, l’organismo deve assimilarlo e integrarlo tra gli elementi essenziali.

La dose giornaliera è molto variabile; usualmente si può arrivare, con gradualità, all’assunzione di 2 grammi di polvere Reishi al giono.

Alcune particolari modalità di impiego, peraltro piuttosto diffuse, vedono polvere di Ganoderma miscelata con il caffè, con il cioccolato, con tè e orzo o con i frullati proteici.

Concludo qui l’argomento di oggi; spero di essere stata esaustiva e di aver fornito utili suggerimenti e spunti di riflessione Se volete potete contattarmi e risponderò volentieri a eventuali vostre domande.

Un saluto

Dr. Ritelì

 

PAROLE CHIAVI MAGGIORMENTE RICERCATE:

RINFORZARE DIFESE IMMUNITARIE
RAFFORZARE SISTEMA IMMUNITARIO
DIFESE IMMUNITARIE
COME RINFORZARE IL SISTEMA IMMUNITARIO
RINFORZARE IL SISTEMA IMMUNITARIO
AUMENTARE DIFESE IMMUNITARIE
INTEGRATORI PER DIFESE IMMUNITARIE
COME RAFFORZARE IL SISTEMA IMMUNITARIO
INTEGRATORE DIFESE IMMUNITARIE
CORONA VIRUS
RAFFORZARE LE DIFESE IMMUNITARIE
AUMENTARE LE DIFESE IMMUNITARIE
AUMENTARE DIFESE IMMUNITARIE BAMBINI
INTEGRATORI SISTEMA IMMUNITARIO
ALZARE LE DIFESE IMMUNITARIE
MIGLIOR INTEGRATORE DIFESE IMMUNITARIE
COME ALZARE LE DIFESE IMMUNITARIE
COME AUMENTARE LE DIFESE IMMUNITARIE
CORONAVIRUS

Iscrizione Newsletter

Iscrizione Newsletter

Si iscriva alla nostra newsletter per ricevere in tempo reale gli ultimi aggiornamenti su NEWS e promozioni!

Iscrizione effettuata!

WhatsApp Chatta via WhatsApp

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per mostrarti mappe e video di Google. Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e quelli di terze parti (Google, Youtube)Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore, se non li abiliterai non potrai vedere alcuni video e mappe di GoogleINFORMATIVA PRIVACY